Navigazione veloce
Istituto Comprensivo di Cesiomaggiore BL > News > Classe 4^ di Cesiomaggiore in visita alla sorgente di Val Clusa

Classe 4^ di Cesiomaggiore in visita alla sorgente di Val Clusa

VISITA: Sorgente Val Clusa di Costa Pinei (Sedico)  

DATA: 19 marzo 2019

CLASSE 4^ SCUOLA PRIMARIA

Progetto-concorso:  “Come ti salvo l’acqua” promosso dalla  Bim-GSP

Maestra referente: Marzia Brugnaro

Accompagnatori: Brugnaro Marzia e Canzian Gisella (De Cumis Marica supplente).

RELAZIONE

Martedì 19 marzo alle ore 8.50 siamo saliti sul pulmino messo a disposizione gratuitamente dalla Bim-GSP, con mezzi di trasporto del Comune di Santa Giustina, per recarci in visita alla Sorgente Val Clusa nel Comune di Sedico. Siamo arrivati alle 9.20 e 2 tecnici della Bim ci hanno accolto e fatto indossare i caschetti nuovi, ancora imballati, per entrare nella galleria, lunga un chilometro, dove si trova il tubo di adduzione, che dalla sorgente della Valle Agordina trasporta l’acqua passando attraverso l’impianto di depurazione, per poi essere distribuita nei comuni di Sedico, Belluno, Ponte nelle Alpi, Puos, Farra, Trichiana, Mel, Lentiai, Vas, Segusino, fino a Valdobbiadene, per un totale di circa 90.000 abitanti (il più grande impianto del bellunese). I bambini hanno chiesto se Cesiomaggiore fosse compreso, ma lì, l’acqua arriva dalla bella Val Canzoi, che dopo il disastro del 29 ottobre, la stanno risistemando e per il momento non possono portare le scolaresche. I bambini sono entrati nella galleria rimanendo in fila e camminando di buona lena, rimanendo al passo molto sostenuto di uno degli accompagnatori, fino a sbucare nel punto in cui si trova la cascata. A gruppetti di 5, sono saliti sulla scaletta e percorso un ponticello stretto in ferro, che collega alla cascata, dove si raccoglie e incanala una parte d’acqua, mentre l’altra scorre nel torrente Cordevole, affluente del Piave. Tornando indietro, abbiamo ripercorso la galleria e siamo entrati nella centrale dell’impianto di depurazione, dove i tecnici, dividendoci in 2 gruppi, hanno mostrato e spiegato,che attraverso dei filtri fatti a cono e con una minima parte di disinfettante al cloro (clorito di sodio e acido cloridrico), l’acqua viene depurata da batteri e filtrata da residui di sabbia, per arrivare potabile nelle nostre case. Dalle nostre case poi, l’acqua torna nelle fognature e viene di nuovo purificata, prima di tornare nei fiumi e infine sfociare nel mare, dove, per effetto dell’evaporazione, si trasforma in pioggia e neve e il ciclo riparte. Ma tutto questo non è scontato, perché i cambiamenti climatici dovuti all’ inquinamento e quindi al surriscaldamento del pianeta, hanno ridotto la quantità di acqua disponibile. Verso le 11.00 abbiamo fatto merenda e poi, dopo aver ringraziato e salutato le nostre guide, siamo saliti sul pulmino e ritornati a scuola, molto soddisfatti.

Non sono previsti commenti alla pagina

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi